Questo articolo è stato letto 0 volte

Palazzo Barbieri,sicurezza garantita dai detenuti

Approvato oggi dalla Giunta comunale il progetto di pubblica utilità volto ad attivare un nuovo servizio di guardiania di Palazzo Barbieri nei giorni festivi avvalendosi della collaborazione di detenuti del carcere di Montorio a fine pena ed in via di reinserimento sociale. Il progetto, illustrato dal sindaco Flavio Tosi, sarà realizzato nell’ambito dell’accordo sottoscritto da comune di Verona, direzione della casa circondariale di Verona, tribunale di sorveglianza – ufficio di Verona, progetto Esodo Caritas Verona e Garante dei diritti delle persone private della libertà personale, finalizzato a promuovere attività lavorativa non remunerata, a favore della collettività, da parte di persone in esecuzione penale.

“Soggetti a fine pena ed in via di reinserimento sociale – ha spiegato il sindaco Tosi – saranno impiegati, in forma gratuita, per supportare la polizia municipale nel servizio di sorveglianza di Palazzo Barbieri. Attualmente, la guardiania al municipio nei giorni festivi è fornita esclusivamente da personale della Polizia municipale che, con l’impiego di detenuti, potrebbe essere parzialmente sollevato dal servizio e destinato a compiti più consoni al profilo e alle esigenze della città. Un’operazione che non comporterà alcun aggravio di costi per il comune, fornendo un servizio di pubblica utilità per la città”.

Il servizio, che sarà avviato per un periodo sperimentale di 6 mesi, prevede l’impiego in municipio di alcuni detenuti per l’attività di guardiania, dalle 7 alle 19, delle domeniche e dei giorni festivi. Al progetto saranno destinati dalla direzione del carcere solo detenuti di sicura affidabilità che, per un corretto svolgimento del nuovo impiego, saranno inizialmente formati e seguiti da personale comunale. In qualsiasi caso di necessità, per tutta la durata del progetto, sarà comunque garantito da parte della polizia municipale l’immediato intervento. 

Fonte: www.larena.it

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarĂ  pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *