Questo articolo è stato letto 0 volte

Polizia Municipale all’avanguardia: sulle strade veronesi arriva il “SaferTraffic Mobile”

Il Sindaco Flavio Tosi, l’assessore alla Mobilità Marco Ambrosini e il Comandante della Polizia Municipale Luigi Altamura hanno presentato la mattina di oggi, giovedì 18 febbraio, la nuova tecnologia video based “SaferTraffic Mobile”, dell’azienda israeliana Safer Place, installata su due autopattuglie, che permetterà di migliorare la sicurezza sulle strade.

Presenti Hila Kareev e Fabio Marangini, amministratore delegato e direttore commerciale di Safer Place, azienda leader nella produzione di sistemi video-based ad alta tecnologia. “Un ulteriore investimento per garantire sempre più sicurezza ai cittadini – ha detto il Sindaco – un sistema che, sotto diversi punti di vista, consente di migliorare il controllo del territorio e della viabilità sulle strade cittadine, contrastando, ad esempio, la circolazione di auto rubate o prive di assicurazione, pericolose per chiunque si trovi sulla strada, siano essi pedoni, ciclisti o automobilisti”.

Tra le caratteristiche dell’innovativo sistema video-based, l’assessore Ambrosini ha ricordato “la capacità di effettuare l’analisi contestuale della targa, rispetto alla copertura assicurativa, alla revisione, all’eventuale presenza di fermi amministrativi, permettendo così la contestazione immediata delle violazioni da parte degli agenti che si trovano all’interno dell’autovettura”.

“Siamo di fronte ad un sistema tecnologicamente avanzato – aggiunge Altamura – nato da un progetto pilota, il primo in Italia, che ha come obiettivo principale contrastare l’utilizzo del cellulare alla guida che, in Italia, è causa del 18 per cento degli incidenti, anche gravi. Oltre ad analizzare una serie di banche dati, SaferTrafficMobile consente di intervenire nell’immediato sulle più comuni violazioni al codice della strada, quali il parcheggio selvaggio, specie su stalli disabili, o il transito sulle corsie preferenziali riservate al trasporto pubblico”.

SaferTraffic Mobile è integrato con il nuovo data-base “Giano” (Gestione informatizzata degli accertamenti per i nuclei operativi) la piattaforma interamente sviluppata internamente alla Polizia Locale di Verona con il Settore Informatica. “Sulla base dell’esperienza delle altre polizie locali italiane, abbiamo scelto una soluzione in grado di identificare la presenza del conducente all’interno del veicolo al momento della violazione, per la contestazione immediata nel caso”, ha continuato il Comandante Luigi Altamura, “ e la presenza o l’assenza del conducente sarà documentata grazie a immagini e video ad alta definizione, che consentiranno di fornire prove inconfutabili nel pieno rispetto delle norme sulla privacy e del Provvedimento del Garante della Privacy dell’aprile 2010”.

 

Fonte: www.veronasera.it

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *