Questo articolo è stato letto 1 volte

IMMATRICOLAZIONE VEICOLI
L’Azerbaigian aderisce al sistema della carta verde (L. Tassoni)

immatricolazione-veicolilazerbaigian-aderisce-al-sistema-della-carta-verde-l-tassoni.jpg

La Repubblica dell’Azerbaigian, nel 2013, ha formalmente richiesto al Consiglio dei Bureaux (CoB) di entrare a far parte del sistema della carta verde.
Nell’ambito della 49a Assemblea Generale del Consiglio dei Bureaux, tenutasi il 28 maggio 2015 a Sopot (Polonia), la candidatura dell’Azerbaigian è stata accettata con decorrenza 1° gennaio 2016.
Quindi, da tale data, i veicoli immatricolati nell’Azerbaigian potranno circolare in tutti i Paesi aderenti al sistema della carta verde, provando la copertura assicurativa mediante l’esibizione del suddetto documento.

La recente adesione è stata resa nota dal Presidente del Consiglio dei Bureaux in occasione della 110a sessione del Gruppo di lavoro sui trasporti su strada del Comitato dei trasporti interni della Commissione economica per l’Europa delle Nazioni Unite, tenutasi a Ginevra dal 26 al 28 ottobre 2015.

Il presidente ha inoltre reso noto che anche l’Armenia e il Kosovo hanno richiesto di entrare a far parte del sistema della carta verde.

Per quanto riguarda l’Armenia, dopo la richiesta formale presentata nel 2013, il Consiglio ha cominciato immediatamente con l’esame delle condizioni tecniche necessarie per l’accessione, per cui ci si aspettava che le procedure fossero completate per la fine del 2014. Tuttavia, dopo essere rimasti senza notizie per circa un anno, qualche rinnovato interesse è stato recentemente mostrato, senza comunque l’indicazione dei tempi di attuazione.

In merito al Kosovo, un impegno iniziato con le autorità serbe nel luglio del 2011 prevede l’istituzione di un accordo commerciale per la reciproca copertura assicurativa. Per raggiungere tale accordo, entrambe le parti si sono accordate all’inizio del 2014 per preparare un memorandum di intesa.

Continua a leggere

 

 

Novità editoriale:

Depenalizzazione e decriminalizzazione
di Giuseppe Napolitano e Fabio Piccioni

Puntuale commento alle novità introdotte dai decreti legislativi in materia di depenalizzazione e decriminalizzazione, che hanno profondamente modificato il sistema sanzionatorio, attraverso la previsione di istituti complementari alla leva penalistica, l’abrogazione di reati e l’introduzione di illeciti con sanzioni pecuniarie civili


Clicca qui per maggiori informazioni

 

Eventi e formazione

 
La gestione delle entrate vincolate del Codice della strada alla luce della contabilità armonizzata

Docente: Claudio Malavasi

Le nuove forme di trattenimento, temporanee e permanenti, in sede fissa

Docente: Saverio Linguanti

 

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *