Questo articolo è stato letto 12 volte

FALSIFICAZIONE CONTRASSEGNO ASSICURATIVO
La falsificazione materiale del contrassegno assicurativo mediante esibizione sull’autovettura, integra gli estremi del reato di falsità in scrittura privata, ma non quello di ricettazione, a meno che il modulo contrattuale e il relativo contrassegno non provengano a loro volta da reato. Ma se il reato di falso in scrittura privata è stato depenalizzato, che reato si configura?

falsificazione-contrassegno-assicurativola-falsificazione-materiale-del-contrassegno-assicurativo-mediante-esibizione-sullautovettura-integra-gli-estremi-del-reato-di-falsit-in-scrittu.jpg

Il recentissimo intervento di depenalizzazione ha privato di rilevanza penale il falso in scrittura privata, trasformandolo in illecito civile. Il decreto legislativo n. 7 del 2016, infatti, ha cancellato la norma che puniva il falso in scrittura privata e quella che ne reprimeva l’uso. Una volta esclusa in casi del genere la possibilità di configurare la ricettazione, la condotta di falsificazione e uso del contrassegno assicurativo sarà, di fatto, totalmente impunita e impunibile. Tanto è vero che nel caso di specie, “la sentenza impugnata deve pertanto essere annullata senza rinvio perché il fatto ricondotto all’ipotesi del delitto di ricettazione non sussiste”.

Vedi il testo della sentenza della Corte di Cassazione, 16 marzo 2016

 

 

Novità editoriale:

Il nuovo reato di omicidio stradale
di G. Carmagnini e M. Ancillotti

Prima puntuale analisi delle novità introdotte dalla legge sull’omicidio stradale (approvata il 2/3/2016). Attraverso la dettagliata descrizione delle modifiche normative e con l’ausilio di schemi e tabelle sinottichequesto volume affronta e risolve tutti i dubbi che possono insorgere.

ACQUISTA ORA

 

 

 

Eventi e formazione

 
La gestione delle entrate vincolate del Codice della strada alla luce della contabilità armonizzata

Docente: Claudio Malavasi

Le nuove forme di trattenimento, temporanee e permanenti, in sede fissa

Docente: Saverio Linguanti

 

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *