Questo articolo è stato letto 0 volte

Gli sequestrano l’armatura, centurione aggredisce vigile a Roma. Arrestato

Non poteva proprio accettare che i vigili gli sequestrassero il costume da centurione. Così si è messo a urlare e inveire contro gli agenti che stavano cercando di portargli via l’armatura e ha anche cercato di colpirne uno. A quel punto è stato arrestato. Stamattina è stato processato per direttissima con l’accusa di violenza, oltraggio e resistenza a pubblico ufficiale: il giudice l’ha condannato a dimora obbligatoria nel comune di Pomezia con obbligo di firma. L’uomo era stato fermato ieri a Roma durante una serie di controlli effettuati tra sabato e domenica.

Le verifiche dei vigili sono partite su segnalazione di alcuni turisti che avevano denunciato alla polizia municipale nuovi tentativi di insediamento dei centrurioni. Sabato, in via Alessandrina, due figuranti sono stati multati e gli sono stati seuqestrati i costumi. Domenica, invece, gli agenti hanno smascherato anche l’ultimo trucco messo in piedi dai figuranti. Per sfuggire ai controlli i centurioni, che si posizionavano in cima alla via Sacra dal lato del Foro Romano avevano posizionato un complice che faceva da sentinella e li avvisava per telefono in caso di arrivo dei vigili.

Per coglierli sul fatto, quindi, ci sono voluti i vigili in borghese, che si sono mescolati ai turisti e li hanno trovati al lavoro. Proprio mentre i vigili cercavano di sequestrargli l’armatura G.S., italiano del 1993, ha iniziato ad inveire e urlare tentando addirittura di colpire un vigile. Gli agnti lo hanno immediatamente arrestato e portato al comando nonostante

 

 i tentativi della “sentinella” di convincerli a lasciar perdere. “I tentativi di violenza dell’uomo”, spiega la polizia municipale, “sono proseguiti anche durante il trasporto al comando”. Lunedì mattina l’uomo è stato  processato per direttissima con l’accusa di violenza, oltraggio e resistenza a pubblico ufficiale: il giudice l’ha condannato a dimora obbligatoria nel comune di Pomezia con obbligo di firma.

Fonte: roma.repubblica.it

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *