Questo articolo è stato letto 49 volte

Proventi per violazioni al c.d.s.: è possibile destinare parte dei proventi per l’acquisto di divise per il personale di PM?

proventi-per-violazioni-al-c-d-s-possibile-destinare-parte-dei-proventi-per-lacquisto-di-divise-per-il-personale-di-pm.jpg

In particolare, il Comune chiede se nel concetto di “mezzi e attrezzature” richiamato nella suddetta disposizione possano essere ricomprese o meno anche le forniture di divise per il personale della Polizia municipale o il vestiario in dotazione agli ausiliari del traffico.
L’art. 208 comma 4 lett. b) c.d.s., ha previsto che la quota spettante agli enti, in misura non inferiore ad un quarto di detti proventi (1/4 del 50 per cento) sia destinata “…al potenziamento delle attività di controllo e di accertamento delle violazioni in materia di circolazione stradale anche attraverso l’acquisto di automezzi, mezzi ed attrezzature dei Corpi e dei servizi di polizia provinciale e di polizia municipale..”.
La Corte dei Conti , Sezione Controllo Regione Sicilia, afferma quindi che possono rientrare de plano nella nozione di “attrezzature”: divise, armi di reparto o individuali corredati da cartucce, blocchi verbali, prontuario, testi normativi, dotazioni obbligatorie e facoltative dei veicoli, apparecchiature informatiche portatili.
Il concetto di “attrezzatura” infatti, comprende tutto quanto costituisca “dotazione strumentale” dei vigili urbani che, proprio in forza del potenziamento del servizio per il miglioramento della circolazione stradale, è sottoposto – ragionevolmente e logicamente – ad una maggiore usura nel tempo oltre che ad un incremento del fabbisogno.
Alla luce del dato testuale, ricavabile dall’art. 208 comma 4 lett. b), il potenziamento delle attività di controllo e di accertamento delle violazioni è perseguito “anche” mediante gli acquisti di che trattasi. Ne consegue che l’amministrazione locale, nell’esercizio della propria sfera di discrezionalità, pur sempre vincolata alla specifica destinazione, possa impegnare quote dei proventi ex art. 208 Codice della Strada per sostenere acquisti di beni e finanche di servizi strumentali ulteriori rispetto alle categorie testualmente esemplificate nel testo normativo.

Vedi il testo del Parere della Corte dei Conti, Sicilia

 

Per approfondimenti sul tema, ti suggeriamo:

La gestione delle entrate vincolate del Codice della strada (artt. 7, 142 e 208)
alla luce della contabilità armonizzata

Arona (NO), 14 aprile 2016
Giulianova Lido (TE), 21 aprile 2016

Docente: Claudio Malavasi

 

Prontuario delle violazioni al codice della strada e alle leggi sulla circolazione dei veicoli
di G. Carmagnini e M. Ancillotti

Prontuario pratico-operativo corredato di note comportamentali, riferimenti giurisprudenziali, schemi operativi 
e tabelle sanzionatorie per la rapida individuazione 
ed applicazione delle sanzioni contenute 
nel codice della strada ed in tutte le altre leggi complementari in materia di circolazione stradale.

Aggiornato alle nuove norme in materia di:
› guida senza patente
› omicidio stradale

SCOPRI DI PIU’

 

 

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *