Questo articolo è stato letto 7 volte

Riscossione sanzioni per violazioni al c.d.s.

riscossione-sanzioni-per-violazioni-al-c-d-s.jpg

Si ricorderà come da sempre (almeno dal 1974) la prassi ministeriale abbia fornito un chiaro indirizzo circa l’obbligo di rilasciare quietanze soggette all’imposta di bollo a seguito del pagamento di sanzioni di importo superiore a una determinata somma, da ultimo stabilita in 77,47 euro e a tanto si è provveduto nel corso degli anni. Un ultima conferma si è avuta con la circolare del Ministero dell’interno relativa all’entrata in vigore della nuova formulazione dell’articolo 202 del codice della strada, riguardo la riduzione del 30% rispetto al minimo edittale per le sanzioni pagate entro 5 giorni dalla notificazione o contestazione del verbale. Nell’occasione il Ministero ha confermato che “In tal caso il verbale di contestazione costituisce ricevuta del pagamento in misura ridotta, con la riduzione del 30%.  Il pagamento può avvenire solo con versamento in contanti della somma scontata, con l’aggiunta dell’imposta di bollo (oggi, di Euro 2,00) per somme superiori a Euro 77,47.”

Il 18 aprile 2016, con la risoluzione 25/E, l’Agenzia dell’entrate ha risposto a un interpello di un comune, concludendo che “Considerato che la sanzione amministrativa per violazione delle disposizioni recate dal Codice della strada, oggetto del presente interpello, è irrogata nell’esercizio di potestà amministrativa, si ritiene che la stessa possa essere ricondotta nell’ambito delle entrate extra tributarie dello Stato o degli enti locali, di cui al richiamato articolo 5 della tabella.

Continua a leggere

 

Ti suggeriamo:

La gestione delle spese e delle entrate della polizia locale
di Claudio Malavasi

Il volume prende in esame spese ed entrate di competenza dei Servizi e dei Corpi di Polizia locale alla luce della contabilità armonizzata, della legge di stabilità.
In particolare, 
analizza tutti gli adempimenti per la corretta gestione 
delle entrate vincolate, sia in relazione alle norme vigenti 
che alle principali pronunce delle sezioni regionali della Corte dei conti.

SCOPRI DI PIU’

Eventi e formazione

La gestione delle entrate vincolate del Codice della strada 
(artt. 7, 142 e 208) alla luce della contabilità armonizzata

Giulianova Lido (TE), 21 aprile 2016

Docente: Claudio Malavasi

 

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *