Questo articolo è stato letto 1 volte

Movida, sequestrati fiumi di birra

movida-sequestrati-fiumi-di-birra.jpg

Pisa. Controlli a tappeto con arresti, denunce e sequestri contro gli eccessi dell movida. Nella notte fra venerdì e sabato la Questura, con l’ausilio del personale della Polizia Municipale e dell’ Operazione Strade Sicure dell’Esercito, ha svolto un servizio di prevenzione e repressione delle illegalità nel centro storico. Dalle 19, gli agenti hanno pattugliato a piedi le zone di piazza delle Vettovaglie, piazza della Berlina, borgo Stretto, piazza dei Cavalieri e vicoli limitrofi. Alcuni giovanissimi sono stati redarguiti in quanto sorpresi ad accingersi a orinare nei vicoli, comportamento al quale hanno desistito per l’intervento della polizia. A mezzanotte in piazza dei Cavalieri sono stati sottoposti a sequestro tre carrelli del supermercato colmi di bottiglie di birra e dieci borsoni ad ignoti che li hanno abbandonati per sottrarsi alla identificazione. Intorno alle 2 sono stati sorpresi numerosi ambulanti in piazza dei Cavalieri e, con una idonea manovra diretti verso via Dini dove per la presenza di personale in borghese si sono dati alla fuga costretti ad abbandonare altri 9 carrelli colmi di bottiglie di birra e 25 borsoni con birre e bevande alcoliche.
Complessivamente i risultati del servizio si possono riassumere con il sequestro di: 12 carrelli da supermercato che saranno restituiti appena individuato l’esercizio; 25 borsoni di birre e bevande alcoliche; 5 persone identificate nel centro storico. All’operazione hanno partecipato anche la Polizia Municipale e 5 militari dell’ Operazione Strade Sicure del 46° Reggimento del Capar. Sempre in piazza dei Cavalieri, i militari dei Carabinieri, unitamente a quelli della Guardia di Finanza, hanno arrestato un trentottenne marocchino per spaccio di stupefacenti. Il nordafricano è stato trovato in possesso di alcuni grammi di marijuana e di hashish. I militari dell’Arma hanno anche denunciato a piede libero un trentanovenne tunisino sempre per spaccio di sostanze stupefacenti.

Fonte: www.lanazione.it

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarĂ  pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *