Questo articolo è stato letto 2 volte

Polemiche a Roma per la “presa in giro” della Polizia locale

polemiche-a-roma-per-la-presa-in-giro-della-polizia-locale.jpg

Sono tanti i cittadini romani che in queste ore si stanno ribellando contro quello che sembra essere l’ennesimo sberleffo di una categoria di dipendenti pubblici che non gode proprio di ottima fama.

Sulla pagina Facebook del Sulpl di Roma, il sindacato unitario dei lavoratori della polizia locale, è comparso un post per premiare con un trofeo il cittadino più zelante.

Il premio in questione ha ricevuto anche un nome, il segnalino d’oro, e fa riferimento a Iosegnalo, il servizio messo a disposizione dei cittadini per segnalare appunto problemi o disagi nel territorio urbano, collaborando con la centrale operativa del corpo di polizia locale di Roma, agevolando in un certo senso il lavoro ai poliziotti, che si ritrovano un esercito di cittadini pronti a far sì che tutti rispettano le regole.

Il punto però è proprio questo: non a tutti piace la solerzia dei tanti cittadini romani che usano Iosegnalo ed è solo di pochi giorni la notizia di un romano accerchiato dalla polizia locale perché faceva troppe segnalazioni. Ora, arriva anche questo post sui social network, che ha più l’aria di uno sfottò per i romani, già costretti a subire i disagi di una capitale che non funziona molto bene.

“Perchè non istituiamo un premio cittadino destinato ai migliori iosegnalatori? Tipo “il segnalino d’oro“. Più iosegnalano e più hanno possibilità di vincere questo prestigioso ed ambito premio. E 2 biglietti omaggio per il concerto gratuito di fine anno.” L’autore del post ha anche usato un neologismo, forse usato nella categoria, il verbo iosegnalare, per indicare chi usa il servizio messo a disposizione dal Comune di Roma.

I cittadini di Roma però non ci stanno e hanno risposto alla provocazione commentando il post, tra chi spera che il corpo della polizia venga sciolto “Ma tanto arriverà il giorno che scioglieranno il vostro corpo, spero di essere ancora in vita quel giorno, scenderò in strada con la bandiera italiana” e chi invece non ha risparmiato parole come “feccia”.

Adesso però, gli amministratori della pagina sembrano aver corretto il tiro di un messaggio che poteva risultare criptico, per così dire, specificando nei commenti che “Ora che alcuni si sono sfogati, come solito ed ampiamente prevedibile, ripetiamo di nuovo la domanda: perchè non istituire un premio simbolico? La domanda è seria. Seriamente seria, come non piace che sia scritto a qualcuno. Il nome “segnalino” è nato pensando all’ambrogino di MIlano che ha comunque altro significato. Avete nome migliore? Accettiamo proposte”

Fonte: www.ilgiornale.it

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *