Questo articolo è stato letto 43 volte

Distruzione del preavviso: è reato

distruzione-del-preavviso-reato.png

La Cassazione qualifica definitivamente il preavviso come atto pubblico, specificando che in presenza dell’accertamento di un divieto di sosta è rimesso alla scelta dell’operatore redigere o non il preavviso, ma una volta scelta una modalità gli atti redatti di conseguenza assumono natura di atto pubblico perché espressione dell’attività del Pubblico Ufficiale tesa a manifestare la volontà dell’Ente.

Leggi la Sentenza

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *