Questo articolo è stato letto 18 volte

Sinistro provocato in stato di ebbrezza

sinistro-provocato-in-stato-di-ebbrezza.jpg

Affinché si verifichi la condizione di cui all’art. 186, comma 2-bis, per la Corte di Cassazione non è necessario che il sinistro provocato dal conducente in stato di ebbrezza alcolica abbia coinvolto altri veicoli o utenti della strada. I giudici della Suprema Corte hanno infatti deciso che “il concetto di incidente stradale richiamato, ai fini dell’integrazione dell’aggravante prevista dai comma 2 bis dell’art. 186 C.d.S., è ben più ampio di quelli d’investimento e di collisione tra autoveicoli, che vi sono, in ogni caso, ricompresi: infatti, esso non implica necessariamente la produzione di danni a cose proprie o altrui o lo scontro con altri veicoli o comunque il coinvolgimento di terze persone con danni alle stesse, bensì qualunque situazione che esorbiti dalla normale marcia del veicolo in area aperta alla pubblica circolazione, con pericolo per l’incolumità altrui e dello stesso conducente”.

Leggi la sentenza

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *