Questo articolo è stato letto 649 volte

Applicazione di personale di polizia locale alle sezioni di P.G. della Procura della Repubblica

Polizia-giudiziaria

Il Ministero differenzia la c.d. “applicazione” che ricorre solamente nel caso di “particolari esigenze di specializzazione dell’attività della polizia giudiziaria” ed il mero “distacco funzionale” di personale dall’Amministrazione locale verso la Procura, che ricorre quando l’ente di provenienza reputa conveniente non ripartire fra tutti i propri dipendenti l’attività di collaborazione istituzionale con l’autorità giudiziaria, ma preferisca destinare soltanto alcune unità di personale allo svolgimento, a tempo pieno, di tali funzioni. L’indirizzo ministeriale è quello di preferire, per ragioni eminentemente connesse al contenimento della spesa pubblica, la seconda forma di collaborazione istituzionale, la quale prevede il mantenimento dell’onere retributivo in capo all’Amministrazione locale di appartenenza dell’agente od ufficiale di P.G. e deve essere regolata da appositi accordi stipulati, di volta in volta, tra l’amministrazione di appartenenza del dipendente interessato e la singola Procura della Repubblica.

Leggi la circolare

 

Ti Consigliamo

Manuale di Polizia Giudiziaria

Che differenza esiste tra domicilio eletto e dichiarato? Quale parte del verbale d’identificazione, elezione di domicilio e nomina del difensore non deve mai mancare a pena di nullità del verbale stesso?

Il volume analizza questi e tanti altri aspetti normativi e procedurali, in modo approfondito, facendo puntuale richiamo alla più recente giurisprudenza di riferimento, e indicando, di volta in volta, le tipologie di atti che l’operatore è chiamato a redigere, specificandone, infine, struttura, funzione e modalità per la corretta stesura.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *