Questo articolo è stato letto 116 volte

Riorganizzata la Municipale parte il pacchetto sicurezza

image

Si inizia da subito con una maggiore presenza della polizia municipale, resa possibile anche da uno stanziamento di 15.000 euro per pagare le ore di straordinario che saranno richieste per questa estate, e si progetta, per il futuro, a breve termine, un pacchetto di azioni per la sicurezza di Grosseto e delle sue frazioni, un pacchetto che si articola soprattutto attraverso una riorganizzazione e un potenziamento del corpo dei vigili urbani.
«Già nelle ultime settimane – ha detto il sindaco Antonfrancesco Vivarelli Colonna – abbiamo garantito una maggiore presenza polizia municipale sul territorio, sono stati effettuati alcuni interventi sui parcheggiatori abusivi nel parcheggio dell’ospedale Misericordia: abbiamo professionalità che vogliamo mettere a frutto, in tempi di tagli dobbiamo ottimizzare le risorse per aumentare la percezione della sicurezza».
E così Vivarelli Colonna dà il via al pacchetto “Grosseto sicura”, un «progetto integrato per la safety urbana» che risponde alla domanda di sicurezza che in campagna elettorale era stata uno dei cavalli di battaglia del centrodestra e dell’attuale assessore alla sicurezza Fausto Turbanti, il cui assessorato, creato ad hoc dalla nuova amministrazione avrà il compito di programmare e coordinare quotidianamente le politiche in materia di sicurezza e rispondere alle emergenze in accordo con il corpo di Polizia municipale.
«Per rendere concreta la giusta richiesta di sicurezza da parte dei cittadini – ha detto l’assessore Turbanti – la polizia municipale gioca un ruolo importante: le donne e gli uomini che la compongono devono tornare ad avere un ruolo centrale in città, recuperando prossimità materiale ed ideale coi cittadini al cui servizio sono posti per legge, spirito e vocazione».
«La nostra riorganizzazione – ha spiegato il sindaco – prevede il potenziamento del presidio polizia municipale nei quartieri e nelle frazioni, con una priorità, in estate per Marina e Principina a Mare, ma stiamo studiano anche l’ipotesi del vigile di quartiere, la riorganizzazione del reparto motociclisti, e stiamo anche valutando la fattibilità economica della creazione di una squadra di polizia municipale a cavallo, inoltre vorremmo dotarci anche di una unità cinofila».
Per migliorare il presidio territoriale si parla di stazioni mobili decentrate, ma anche della dotazione di un software che va a completare il progetto di videosorveglianza innovativo già avviato dall’amministrazione Bonifazi che ha installato telecamere in grado di riconoscere le targhe delle auto che accedono alla città e alle frazioni: il software può verificare se si tratti o meno di auto rubate e, nel caso, far scattare l’allarme e i controlli delle forze dell’ordine. Tra gli obiettivi principali, ci sono l’eliminazione del fenomeno dei parcheggiatori abusivi e la lotta all’abusivismo nel commercio e nell’artigianato.

«Su questo secondo punto abbiamo già attivato un tavolo – ha detto Vivarelli Colonna – e ringrazio la Cna per averlo sollecitato. Lo allargheremo anche a Confartigianato, Ascom e Confesercenti: le associazioni di categoria dovranno fare da filtro delle segnalazioni che arriveranno».

fonte: http://iltirreno.gelocal.it/grosseto/cronaca/2016/07/13/news/riorganizzata-la-municipale-parte-il-pacchetto-sicurezza-1.13812868

Fonte:

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *