Questo articolo è stato letto 55 volte

Tir, bus e pullman delle gite scolastiche sotto la lente della Polizia Municipale

imposta-di-bollo-e-pagamento-sanzioni-per-violazioni-al-c-d-s.jpg

I controlli messi in atto dagli uomini di via del Pontiere, hanno permesso di portare alla luce diverse violazioni: in particolare un autista slovacco è stato punito con una multa da oltre 2mila euro, oltre alla decurtazione di punti sulla patente
La Polizia municipale ha effettuato nell’ultima settimana 18 verifiche a carico di altrettanti bus di linea che effettuano tratte internazionali ed interregionali, in transito in città.
Si tratta di veicoli con conducenti sia italiani che stranieri di proprietà di nove diverse imprese che hanno Verona tra le fermate previste dall’autorizzazione.
Accertate durante i controlli 6 violazioni, 4 relative a tempi di guida eccessivi e a pause non rispettate, 1 per mancanza di patente al seguito, 1 per parabrezza danneggiato.
Durante i controlli gli agenti hanno anche fermato e denunciato all’autorità giudiziaria un conducente 28enne per il reato di uso di atto falso. Il giovane era stato fermato alla guida di un’auto con targa romena ed aveva mostrato una patente straniera. Gli agenti avevano però accertato che l’uomo era residente in Italia da circa 3 anni, cosa che gli impediva di immatricolare un’auto all’estero e di guidare con quella patente, poi risultata falsa.
Per questo motivo il veicolo, una Peugeot, è stato posto sotto fermo amministrativo, la patente sequestrata e il giovane, residente in città, denunciato all’autorità giudiziaria per il reato di guida con documento falso. A suo carico anche la violazione amministrativa di 5 mila euro per aver guidato senza patente.
La settimana precedente gli agenti specializzati del gruppo Scaut, la squadra di controllo autotrasporto della Polizia municipale, avevano controllato un autoarticolato di nazionalità slovacca, accertando a carico dell’autista ben 5 violazioni per non aver rispettato le disposizioni sui riposi obbligatori giornalieri e settimanali. La sanzione comminata in quel caso era stata di oltre 2 mila euro con decurtazione di 15 punti dalla patente professionale, anche se dal conteggio matematico se ne sarebbero dovuti togliere 40.
Tra le violazioni accertate dalla Polizia municipale durante questi controlli, che hanno riguardato anche il progetto Gite Serene per le verifiche sui bus scolastici in partenza dalle scuole, quelle relative alle ore di guida e di riposo sono state ancora le più frequenti. Altre mancanze accertate hanno riguardato estintori obbligatori, funzionamento delle uscite di sicurezza, presenza di documenti, usura ed efficienza di pneumatici, luci ed altri dispositivi di equipaggiamento.

Fonte: www.veronasera.it

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *