Questo articolo è stato letto 15.663 volte

Aggiornamento Sanzioni Amministrative 2017 Codice della Strada

imposta-di-bollo-e-pagamento-sanzioni-per-violazioni-al-c-d-s.jpg

Con la pubblicazione in Gazzetta Ufficiale n. 304 del 30/12/2016 del Decreto del Ministero della Giustizia 20.12.2016: “Aggiornamento degli importi delle sanzioni amministrative pecuniarie conseguenti a violazioni al codice della strada, ai sensi dell’articolo 195 del decreto legislativo 30 aprile 1992, n. 285” entrano in vigore dal 1 gennaio 2017 gli aggiornamenti alle sanzioni amministrative del C.d.S. per il biennio 2017-2018.

Forniamo due utili strumenti per l’aggiornamento operativo:

Tabella riepilogativa aggiornata con le nuove sanzioni 2017 – completo schema di raffronto tra gli importi 2016 e 2017 (minimi, massimi, ridotti) messi in relazione ai relativi articoli e commi del C.d.S., a cura di Giuseppe Carmagnini

Aggiornamento importi tabella “omnibus” 2017 – utile tabella riepilogativa dei valori degli importi delle sanzioni (minimo, massimo, ridotto e ruolo aggiornati) – Si fa presente che le colonne evidenziate in celeste riportano le sanzioni aumentate di 1/3 indistintamente; quindi per applicare la maggiorazione notturna è necessario verificare che la violazione commessa rientri tra quelle previste dall’articolo 195 del codice della strada (si veda anche la tabella di cui al precedente link) e si tratta, pertanto, solo delle sanzioni previste dagli articoli 141, 142, 145, 146, 149, 154, 174, 176, commi 19 e 20, e 178, che sono aumentate di un terzo quando la violazione è commessa dopo le ore 22 e prima delle ore 7.

Inoltre, ecco la Circolare 30.12.2016 prot. 300/A/8955/16/101/3/3714 del Ministero dell’Interno: “Aggiornamento degli importi delle sanzioni amministrative pecuniarie a violazioni al codice della strada, ai sensi dell’articolo 195, comma 3 del decreto legislativo 30 aprile 1992, n. 285 (Nuovo Codice della Strada)”: “(…) Giova ribadire che il citato arrotondamento all’unità di euro opera solo sulle sanzioni edittali e, quindi, non interviene sulle somme che costituiscono eventuale risultato di operazioni di divisione rispetto ai valori minimi o massimi previsti dal Codice. Perciò, a titolo esemplificativo, non sono oggetto di arrotondamento le somme da iscrivere a ruolo ai sensi dell’art. 203, comma 3, C.d.S. (metà del massimo edittale)…” continua a leggere

Dal 14.1.2017 è in vigore anche la modifica all’art. 158 C.d.S. che prevede la nuova fattispece di reato per divieto di fermata e sosta negli spazi riservati a veicoli elettrici in ricarica.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *