Questo articolo è stato letto 399 volte

Parcheggio sul posto dei disabili? Rischio di violenza privata

Parcheggio disabili

Lasciare l’auto in sosta su un parcheggio riservato ai disabili è un gesto incivile e imperdonabile. La norma violata, solitamente, è l’articolo 158 del Codice della Strada (“divieto di fermata e sosta dei veicoli“), in particolare il comma 2, che fra i molti luoghi in cui è vietata “la sosta di un veicolo” elenca anche gli “spazi riservati alla fermata o alla sosta dei veicoli per persone invalide di cui all’art. 188”. Il rischio quindi è di ritrovarsi a pagare una sanzione che va da €85 a €338.

Il caso di violenza privata

Questo sembra essere il caso dell’uomo giudicato in Corte di Cassazione dalla Sentenza n. 17794 del 7/4/2017. L’imputato ha parcheggiato la propria autovettura in uno spazio riservato dal Comune appositamente a persona diversamente abile, impedendole così di utilizzarlo fino alla rimozione del mezzo.

Diverso però il parere dei giudici, che dopo aver ricordato l’art. 158 sopracitato, che punisce con sanzione amministrativa, chi parcheggi il proprio veicolo negli spazi riservati alla fermata o alla sosta dei veicoli di persone invalide, ritengono che se quello spazio è riservato espressamente ad una determinata persona, per ragioni attinenti allo stato di salute, alla violazione del Codice Stradale si aggiunge l’impedimento al singolo cittadino a cui è riservato lo stallo. Sussiste pertanto l’elemento oggettivo del delitto di “violenza privata“, di cui all’art. 610 del Codice Penale. La pena? Fino a quattro anni di prigione.

Fondamentale anche l’elemento soggettivo, la consapevolezza dell’imputato, che pur avendo visto la segnaletica verticale e orizzontale che indicava come il posto fosse riservato a un singolo utente disabile, ha lasciato la sua auto in sosta per diverse ore.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *