Questo articolo è stato letto 579 volte

La reiterazione e la ripetizione dell’illecito nel codice della strada

aggiornamento-sanzioni-amministrative-non-ufficiale-in-attesa-di-decreto-interministeriale.jpg

Come è noto esistono alcune fattispecie di illecito amministrativo la cui reiterazione, o la ripetizione nell’arco di un determinato periodo, determina l’applicazione di specifiche sanzioni o l’aggravamento delle stesse sanzioni previste per l’ipotesi non reiterata o ripetuta.

In taluni casi la reiterazione o la ripetizione dell’illecito in un determinato periodo comportano l’applicazione di una sanzione accessoria, come quella della sospensione della patente o l’aggravamento delle sanzioni accessorie già applicabili già dal primo illecito, oppure l’applicazione della confisca (o comunque gli effetti tassativamente indicati dalle norme che richiamano la reiterazione o la ripetizione).

Dal 2016, in un caso, quello della guida senza patente per il quale è intervenuta la depenalizzazione (e per i casi assimilati alla guida senza patente), la reiterazione biennale da luogo all’applicazione delle sanzioni penali previste dall’articolo 116, comma 15, nonché alla sanzione accessoria amministrativa conseguente a illecito penale della confisca  del veicolo, ex art. 224-ter del codice della strada.

In ogni caso, quando la violazione astrattamente prevede l’istituto specifico della reiterazione, o delle conseguenze per la seconda violazione nel biennio è ovviamente necessario verificare, ove e per quanto possibile, la sussistenza di precedenti violazioni che possono determinare in concreto l’applicazione delle conseguenze di tali istituti giuridici.

Continua a leggere l’articolo

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *