Questo articolo è stato letto 514 volte

Sinistro stradale: diritto di precedenza

viola-lobbligo-di-precedenza-e-muore-nel-sinistro-stradale-da-lui-causato-e-configurabile-il-concorso-di-colpa-se-laltra-conducente-ha-tenuto-una-velocit-non-adeguata-allo-stato-dei-luoghi.JPG

Il ricorrente alla guida della propria autovettura, accingendosi ad attraversare un incrocio, per colpa consistita in negligenza, imprudenza e imperizia, nonché in violazione delle norme del Codice della Strada in materia di diritto di precedenza, era entrato in collisione con un ciclomotore proveniente da destra.

Al momento del fatto, non vi erano sul luogo altri segnali che imponessero indicazioni alternative rispetto alle regoli generali della viabilità così come previsto dalle norme vigenti in materia; – in definitiva era risultato pienamente accertato che il conducente del ciclomotore fosse favorito dal diritto di precedenza, vigendo, quindi, la regola secondo la quale, quando due veicoli stanno per impegnare una intersezione, ovvero laddove le loro traiettorie stiano comunque per intersecarsi, si ha l’obbligo di dare la precedenza a chi proviene da destra, salvo diversa segnalazione (art. 145 comma 2 C.d.S.).

La circostanza che proprio l’autovettura fosse in movimento al momento dell’impatto escludeva ulteriormente la configurabilità della cosiddetta precedenza “di fatto” e comprovava la sussistenza dell’elemento obiettivo della condotta in contestazione, ossia la negligenza e l’imprudenza (colpa generica) dell’automobilista, nonché la violazione di precetti normativi (colpa specifica), operata occupando indebitamente il crocevia intanto che sopravveniva un veicolo favorito dal diritto di precedenza.

LEGGI LA SENTENZA

 

Per maggiori approfondimenti partecipa all’Evento:

14° Forum Nazionale di Polizia Locale
Pescantina (VR) 16-17 novembre 2017

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *