Questo articolo è stato letto 324 volte

Agente non sanziona un veicolo privo di assicurazione: no al reato di abuso d’ufficio

cessa-lobbligatoriet-di-esporre-il-contrassegno-di-assicurazione-nuove-problematiche-di-controllo-per-gli-organi-di-polizia-stradale-s-bedessi.jpg

Il fatto. Un carabiniere ha verificato la mancata copertura assicurativa di un veicolo in transito omettendo di procedere con il sequestro del veicolo e la verbalizzazione formale dell’evento. Ma inibendo la prosecuzione della marcia al trasgressore.

Per questo comportamento è stato condannato dalla Corte d’appello di Potenza per il reato di abuso d’ufficio.

La Cassazione con la sentenza n. 46788/2017 ha annullato la decisione affermando che nel delitto di abuso d’ufficio, per la configurabilità dell’elemento soggettivo “è richiesto che l’evento costituito dall’ingiusto vantaggio patrimoniale o dal danno ingiusto sia voluto dall’agente e non semplicemente previsto ed accettato come possibile conseguenza della propria condotta, per cui deve escludersi la sussistenza del dolo, sotto il profilo dell’intenzionalità, qualora risulti, con ragionevole certezza, che l’agente si sia proposto il raggiungimento di un fine pubblico, proprio del suo ufficio”.

Pur essendo l’omesso controllo illegittimo grave e diffuso da solo non basta ad affermare il dolo che serve per il reato.

LEGGI LA SENTENZA

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *