Questo articolo è stato letto 16 volte

Treviso, biciclette “targate” per difenderle dai ladri

biciclette

Sinora fermare i ladri di bicicletta era un’impresa difficile. In tutte le principali città italiane sono centinai i furti registrati ogni anno. La città di Treviso sembra, però, aver trovato il giusto rimedio per contrastarli. Grazie alla collaborazione tra i vigili urbani e la Fiab, Federazione italiana amici della bicicletta, che aveva proposto ad aprile di marchiare i veicoli per registrarli nell’archivio nazionale, il comune ha deciso di allargare la procedura in tutto il territorio.

Il progetto – Il piano partirà dal prossimo aprile, ma la macchina per marchiare i veicoli è già stata acquistata dal comune per circa 12mila euro. Il servizio sarà interamente gratuito: “I cittadini potranno venire con le proprie due ruote e inserirle, dopo la punzonatura, nel registro comunale delle biciclette –  ha spiegato il comandante, Maurizio Tondato, alla Tribuna di Treviso – . Nel momento in cui verranno trovati cicli rubati, o cicli sospetti con proprietari sospetti in sella, si potrà effettuare un controllo certo per identificare la bicicletta e l’eventuale vero proprietario”.

Il macchinario –  Fabbricato da un’azienda di Limena specilizzata nella marcatura industriale, la macchina incide sul telaio della bici un codice alfanumerico, come la carta d’identità, con un’etichetta protettiva impossibile da togliere.

Fonte: tgcom24.mediaset.it

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *