Questo articolo è stato letto 236 volte

Verbale illegittimo: su un lungo rettilineo nulla impedisce l’alt

pu-costare-caro-al-comune-lerrore-della-polizia-municipale-se-questa-invia-le-foto-dellautovelox-a-casa-dellobbligato-in-solido-se-da-queste-si-vede-la-presenza-di-unrsq.jpg

Il caso. Il Tribunale di Chieti dichiarava l’illegittimità di un verbale per violazione del codice della strada per l’assenza di ogni riferimento alle circostanze che avevano impedito agli Agenti l’immediata contestazione dell’infrazione. Dalla foto dell’infrazione emerge che essa è stata commessa su un lungo rettilineo dove non sarebbe stato difficile o pericoloso intimare l’alt, gli agenti devono chiarire perché, nonostante questo, il veicolo non è stato fermato subito.

Il verbale conteneva la solita espressione – mutuata dall’articolo 201, comma 1-bis, lettera e) del Codice della strada – secondo cui l’infrazione non è stata contestata immediatamente perché era stato usato un apparecchio che consente «la determinazione dell’illecito in tempo successivo» quando il veicolo è già a distanza dagli agenti. Ma la Corte osserva che «in via di principio» su un lungo rettilineo nulla impedisce l’alt.

Evidenzia inoltre la Corte, il tratto di competenza nel caso di specie era un lungo rettilineo e dunque «nulla impediva agli organi di Polizia Stradale di posizionarsi in modo tale che, visionata con i propri strumenti la velocità delle autovetture in transito, potessero fermare l’autovettura di cui si era rilevato l’eccesso di velocità, per gli adempimenti inerenti alla contestazione». Il verbale non poteva dunque limitarsi a specificare l’utilizzo dell’autovelox, senza specificare le ragioni per cui era stata impossibile la contestazione immediata.

LEGGI L’ORDINANZA

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *