Questo articolo è stato letto 753 volte

Procedure sui prelievi e accertamenti necessari nei casi di omicidio e lesioni stradali gravi e gravissime

omicidio stradale

La Regione Toscana con delibera della Giunta Regionale n. 23 del 15 gennaio 2018 ha approvato lo schema di Protocollo di Intesa tra la Regione Toscana e la Procura Generale della Repubblica, denominato “Protocollo di Intesa tra la Regione Toscana e la Procura Generale della Repubblica presso la Corte di Appello di Firenze in merito alle procedure sui prelievi e accertamenti necessari nei casi di omicidio e lesioni stradali gravi e gravissime (Legge 23 marzo 2016, n. 41)”

Per effetto di tale delibera, le Aziende sanitarie del distretto garantiscono l’idoneità dei presidi sanitari e l’effettiva applicazione del protocollo, nonché, anche attraverso l’adozione di protocolli operativi e procedure interne, il rispetto della catena di custodia del materiale umano biologico prelevato in tutte le sue fasi (accertamento/prelievo, raccolta e conservazione, analisi di laboratorio di primo livello e di conferma, smaltimento), al fine di consentire la partecipazione a tutte le fasi dell’accertamento.

Nel protocollo, la Regione Toscana ha individuato i Presidi Ospedalieri che, distribuiti nel territorio del distretto della Corte di Appello di Firenze e dotati di Pronto Soccorso, sono attrezzati a costituire il primo livello della rete ove accompagnare i soggetti coinvolti in incidenti stradali per le attività di screening dello stato di ebbrezza alcolica e di alterazione da sostanze stupefacenti o psicotrope, successive agli accertamenti svolti nell’immediato su strada; e ha altresì individuato le strutture di secondo livello ove trasportare i campioni prelevati per i test di conferma.

LEGGI IL COMUNICATO E IL PROTOCOLLO

FORUM POLIZIA

Ragusa, 22-23 marzo 2018

VIII FORUM REGIONALE DI POLIZIA LOCALE
Partecipazione gratuita

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *