Questo articolo è stato letto 235 volte

Ciclista investe pedone: reato di lesioni personali colpose

non-basta-fermarsi-e-poi-ripartire-dopo-linvestimento-del-ciclista-n-vale-il-fatto-che-questo-si-sia-rialzato-essendo-palese-lesistenza-dellelemento-psicologico-del-reat.jpg

Il fatto. Un ciclista veniva dichiarato colpevole del reato di lesioni colpose per aver investito un anziano pedone che, colpito di spalle dalla bicicletta al termine di una leggera discesa in curva, nonostante stesse percorrendo la strada sulla propria destra, rovinava a terra riportando lesioni guaribili in 20 giorni.

La Suprema Corte condivide l’argomentazione con cui, sia il Giudice di Pace che il Tribunale, hanno collocato il comportamento del ricorrente nell’ambito dell’art. 140 C.d.S. che impone agli utenti della strada una condotta tale da «non costituire pericolo o intralcio per la circolazione ed in modo che sia in ogni caso salvaguardata la sicurezza stradale».

Si tratta di una responsabilità per colpa generica dovuta ad imprudenza e negligenza in quanto l’utente della strada ha l’obbligo di ispezionare costantemente la strada e adeguare la velocità alle condizioni oggettive della strada e del traffico in modo da potersi arrestare in sicurezza di fronte ad un ostacolo prevedibile.

LEGGI LA SENTENZA

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *