Questo articolo è stato letto 177 volte

IL CASO – Modalità di calcolo delle maggiorazioni per ritardato pagamento – decisione del giudice che annulla la cartella e riduce la sanzione – omesso pagamento

quando-respinge-il-ricorso-il-giudice-non-pu-aumentare-la-sanzione-indicata-nel-verbalelapprofondimento-a-cura-di-g-carmagnini.jpg

Il contenuto del ruolo è determinato dalla sanzione amministrativa divenuta titolo esecutivo per una somma pari alla metà del massimo edittale e per le spese di procedimento. Il calcolo degli interessi del 10% per semestre solare prende come riferimento iniziale la data in cui la violazione amministrativa al codice della strada diventa titolo esecutivo quindi al 61° giorno dalla data di contestazione o notificazione e come data finale la data di consegna del ruolo all?agente della riscossione.

A seguito di rigetto di un ricorso ad una cartella esattoriale il Giudice di Pace ha annullato la cartella e ridotto la sanzione pari alla misura ridotta più relative spese indicando come termine di pagamento 20 giorni decorrenti dal giorno della sentenza. Alla data odierna il verbale non è stato pagato pertanto deve essere rimesso a ruolo.

Si chiede, per la formazione del ruolo del verbale rimasto di nuovo in pendenza, il calcolo del 10% per semestre da quale data iniziale prende riferimento, dal 61° giorno dalla data di notifica del verbale originale oppure dal 21° giorno dalla data della sentenza di rigetto? Si fa presente che dalla data di rilevazione del verbale alla data della sentenza di rigetto del ricorso sono trascorsi quattro anni.

>> Vuoi conoscere la risposta del nostro esperto? Continua a leggere QUI

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *