Questo articolo è stato letto 241 volte

Le ipotesi di danneggiamento

Approfondimento di M. Seclì

reato danneggiamento veicolo

Alla luce del D.lgs. n. 7/2016, la ratio del quale è stata quella di snellire il carico di procedimenti in atto presso i tribunali penali, inerente la depenalizzazione di alcuni reati, uno di questi risulta essere la fattispecie del danneggiamento ex art. 635 del Codice Penale.

Relativamente alla nuova formulazione dell’art. 635, viene a cadere la configurabilità di fatto reato per il cosiddetto “Danneggiamento semplice” per il quale il danneggiato potrà trovare eventualmente ristoro in sede civile.

Le casistiche inerenti la fattispecie depenalizzata interessano quei casi in cui oggetto del danneggiamento sono beni personali (borse, smartphone, bagagli, ecc.) o dei veicoli non parcheggiati sulla pubblica via o in parcheggi pubblici, non esposti alla pubblica fede.

Art. 635 codice penale
Chiunque distrugge, disperde, deteriora o rende, in tutto o in parte, inservibili cose mobili o immobili altrui con violenza alla persona o con minaccia ovvero in occasione di manifestazioni che si svolgono in luogo pubblico o aperto al pubblico o del delitto previsto dall’articolo 331, è punito con la reclusione da sei mesi a tre anni.
Alla stessa pena soggiace chiunque distrugge, disperde, deteriora o rende, in tutto o in parte, inservibili le seguenti cose altrui:
1. edifici pubblici o destinati a uso pubblico o all’esercizio di un culto o cose di interesse storico o artistico ovunque siano ubicate o immobili compresi nel peri-metro dei centri storici, ovvero immobili i cui lavori di costruzione, di ristrutturazione, di recupero o di risanamento sono in corso o risultano ultimati o altre delle cose indicate nel numero 7) dell’articolo 625;
2. opere destinate all’irrigazione;
3. piantate di viti, di alberi o arbusti fruttiferi, o boschi, selve o foreste, ovvero vivai forestali destinati al rimboschimento;
4. attrezzature e impianti sportivi al fine di impedire o interrompere lo svolgimento di manifestazioni sportive.
Per i reati di cui al primo e al secondo comma, la sospensione condizionale della pena è subordinata all’eliminazione delle conseguenze dannose o pericolose del reato, ovvero, se il condannato non si oppone, alla prestazione di attività non retribuita a favore della collettività per un tempo determinato, comunque non superiore alla durata della pena sospesa, secondo le modalità indicate dal giudice nella sentenza di condanna.”

Continua a leggere l’articolo

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *