Questo articolo è stato letto 143 volte

Anche in caso di assoluzione ex art. 131 bis c.p. si applica la confisca

rimozione-e-smaltimento-dei-rifiuti.jpg

La Corte di Cassazione III sez. pen. con sentenza n. 16683 del 20 aprile 2018 ha ribadito il proprio orientamento concernente la conservazione della misura di sicurezza patrimoniale della confisca, pur in presenza della sentenza con la quale è stata dichiarata la non punibilità del fatto, stante la sua particolare tenuità, in quanto la disposizione contenuta nell’art. 131-bis cod. pen., della offesa da esso derivante a carico del bene interesse tutelato dalla norma, è fattore tale da elidere, per evidenti ragioni di politica criminale la cui valutazione è rimessa alla discrezionalità del legislatore, la sola punibilità della condotta, cioè la corrispondenza ad essa del diritto-dovere da parte dell’ordinamento di irrogare la sanzione penale, ma non è anche fattore idoneo ad escludere nella medesima condotta la esistenza di tutte le altre caratteristiche proprie dell’illecito penale, che anzi ne viene, in qualche modo, accertato nei suoi profili strutturali.

LEGGI L’ORDINANZA

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *