Questo articolo è stato letto 29 volte

Firenze – La Regione per la sicurezza: il ‘vigile di quartiere’, presidi sui treni ma anche città più vivibili

Fonte: regione.toscana.it

vigile

La polizia, in tutta Italia, è sotto organico: gli agenti in servizio sono meno di quelli del 1989. E così la Regione in Toscana decide di investire sul vigile urbano di quartiere: un modo per far sentire le città più sicure, con pattuglie a piedi che lavorando nelle strade ne imparano a conoscere la realtà quotidiana e diventano punto di riferimento per i commercianti e deterrente per i cittadini poco onesti.

La giunta regionale pagherà per tre anni gli stipendi di settanta od ottanta nuovi agenti che saranno assunti. Almeno una dozzina i territori coinvolti e uno solo il paletto: l’impiego effettivo in strada e nelle piazze, individuate di concerto con i sindaci e i prefetti. E’ prevista anche un’adeguata formazione e un esame finale. La delibera andrà in giunta tra una decina di giorni, per partire all’inizio del 2019, e il progetto vedrà il coinvolgimento anche di Anci Toscana, l’associazione dei Comuni, con cui saranno individuati i criteri per scegliere i luoghi e quei quartieri ‘complicati’ dove avviare la sperimentazione.

“Non vogliamo certo sostituirci né allo Stato né alle forze dell’ordine, ai quali spetta il compito di reprimere i comportamenti scorretti e la criminalità” sottolineano ai giornalisti il presidente della Toscana Enrico Rossi e l’assessore alla presidenza e alla sicurezza Vittorio Bugli. “Anzi – aggiunge il presidente – allo Stato torno a chiedere di assumere i poliziotti che mancano: cento solo a Firenze e 20 mila almeno in tutta Italia, secondo i numeri riferiti da Gabrielli in Parlamento. Non costerebbe alla fine neppure tanto: un po’ più di mezzo miliardo”. “Nel frattempo – conclude Rossi – non ci limitiamo però ad avanzare solo richieste e proseguiamo il lavoro che ci ha visto impegnati in questi anni sul fronte della sicurezza integrata”. Dalle telecamere all’animazione commerciale e culturale dei quartieri, dalla riqualificazione urbanistica dei quartieri alla formazione degli agenti.

Telecamere e animazione
La Regione Toscana dal 2016 ha finanziato infatti con oltre 3 milioni e 250 mila euro 171 progetti di videosorveglianza in ben 228 comuni, l’83 per cento dei 274 di tutta la Regione. “Installate le telecamere, adesso si lavora a renderle ovunque ‘intelligenti’ e promuoverne l’interconnessione” spiega l’assessore Bugli. Dal 2009 la Regione forma anche la polizia municipale. Negli ultimi due anni ha promosso inoltre progetti speciali per la rivitalizzazione di luoghi ‘difficili’, nella consapevolezza che dall’animazione sociale e culturale di un quartiere passa anche il suo stato di sicurezza. “Questi progetti funzionano – racconta Bugli – lo dimostrano Piazza Garibaldi a Livorno o la zona del Serraglio a Prato: quartieri dove prima le persone uscivano poco volentieri di casa, e dove ora si organizzano festival di piazza, e che sono diventati luoghi di cultura e aggregazione. Più belli, vivi, e senz’altro più sicuri”. Finora sono stati investiti 900 mila euro su nove progetti pilota, ciascuno ritagliato sulle criticità specifiche dei singoli territori: sei sono già attivi, a Firenze, Prato, Lucca, Pisa, Livorno e nell’area dell’Osmannoro tra Sesto e Campi Bisenzio,  tre sono in partenza proprio in queste settimane, a Montecatini Terme, ad Arezzo e a Grosseto.

Tre milioni l’anno per i vigili di quartiere
Adesso si aggiunge il sostegno al vigile di quartiere, quello che conosce il territorio e i suoi abitanti: un agente, anzi tre coppie distribuite su altrettanti turni in modo da coprire tutto il giorno e buona parte della notte. Se la polizia è sotto organico, anche i vigili urbani in molti comuni sono infatti in sofferenza e spesso le amministrazioni comunali non hanno risorse o possibilità di assumerne altri. “Così – spiega l’assessore Bugli – abbiamo pensato di dare una mano ai Comuni, facendoci carico degli stipendi di sei vigili di quartiere. Vorremmo coinvolgere almeno una dozzina di amministrazioni comunali, ma dipenderà dalle necessità dei Comuni e delle Prefetture”. La Regione si accollerà la spesa per tre anni, per circa 3 milioni di euro l’anno. “I Comuni si impegneranno però a tenere gli agenti per almeno cinque” precisa Matteo Biffoni, presidente di Anci Toscana e sindaco di Prato. E’ un progetto pilota. “Un modello sicuramente innovativo – aggiunge – e stiamo incrociando un po’ di dati per definire un criterio il più possibile scientifico per individuare le aree da cui partire”. Naturalmente la formazione dei vigili di quartiere sarà definita assieme alle forze dell’ordine, così come la modalità di presidio del territorio e le interconnessioni con gli altri agenti di polizia municipale, poliziotti e carabinieri. “Nessuno – avverte Rossi – vuol infatti creare doppioni, ma agevolare semmai un lavoro di squadra”.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *