Questo articolo è stato letto 161 volte

L’abbandono di rifiuti alla rinfusa

abbandono-di-rifiuti-sulla-sede-stradale-legittima-lordinanza-del-comune-nei-confronti-dellanas-per-la-rimozione-degli-stessi-t-a-r-campania-1762015.jpg

La Corte di Cassazione VII sez. pen. con Ordinanza n. 19200 del 04 Maggio 2018 ha correttamente attribuito la qualifica di deposito incontrollato susseguente ad un abbandono di rifiuti non pericolosi in considerazione del fatto che lo stesso era stato realizzato attraverso il rilascio di materiali di risulta accatastata alla rinfusa.

E’ infatti conforme alla giurisprudenza della Corte il principio secondo il quale l’abbandono di rifiuti “alla rinfusa” e non per categorie omogenee, come invece previsto dall’art. 183, comma primo, lett. m), del d.lgs. n. 152 del 2006, esclude la configurabilità del cosiddetto deposito temporaneo o regolare e integra il fatto criminoso di gestione di discarica abusiva.

LEGGI LA SENTENZA

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *