Questo articolo è stato letto 142 volte

IL CASO – Divieto di transito per massa – possibilità di accertamento delle violazioni mediante videosorveglianza

telecamere

L’amministrazione comunale intende installare un sistema di telecamere a circuito chiuso poste su alcune strade comunali, urbane e non, per monitorare il transito di autoveicoli trasporto merci con m.c.p.c superiore a 7,5 ton. nonostante il divieto imposto. Non si tratta di accesso ad una ZTL, ma di una soluzione per contrastare l’accesso non autorizzato ad una particolare categoria di veicoli su alcuni tratti stradali caratterizzati da ridotte dimensioni della carreggiata, notevole presenza di curve e fiancheggiati da edifici. Di fatto questi tratti stradali vengono percorsi dai mezzi pesanti esclusivamente per accorciare un itinerario attraverso strade provinciali. Vi sono dispositivi omologati in merito, anche per la successiva contestazione della violazione, ed è legittima tale soluzione?

>> Leggi la risposta dei nostri esperti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *