Questo articolo è stato letto 271 volte

ANCI – Parere in merito alle violazioni in materia di sosta

sosta

“Serve una governance complessiva della sosta nelle città, considerando anche la carenza di organico e le possibilità di assunzione del personale delle Polizie locali”.

Questa è  la posizione sostenuta dall’Anci ascoltata dalla Commissione Trasporti della Camera nell’ambito dell’esame della proposta di legge che mira a modificare l’art. 12 del Codice della strada che si occupa delle funzioni di prevenzione e accertamento delle violazioni in materia di sosta.

Secondo l’Anci la proposta di legge soprattutto non tiene conto del fatto “che i Comuni devono far fronte a sempre maggiori necessità di governo e controllo della sosta, per ragioni di sicurezza stradale, di governo della mobilità e di accessibilità generale e al trasporto pubblico, con un organico spesso carente a fronte di molteplici compiti”.

Nello specifico la proposta di legge stabilisce che le funzioni di prevenzione e accertamento delle violazioni in materia della sosta sono attribuite ai dipendenti delle società di gestione dei parcheggi, solo per le aree oggetto di concessione e con riferimento agli spazi destinati al parcheggio a pagamento e alle aree immediatamente limitrofe, ma esclusivamente quando la sosta ostacola l’accesso all’area di parcheggio da parte degli utenti della strada. Ed anche al personale ispettivo delle aziende di trasporto pubblico di persone, ma solo per le corsie e le strade dedicate al trasporto pubblico, escludendo la possibilità di estendere tali poteri all’intero territorio cittadino.

>> Vedi il documento ANCI consegnato in Commissione Trasporti  della Camera il 7 novembre 2018.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *