Questo articolo è stato letto 196 volte

Il deposito temporaneo di rifiuti

Approfondimento di Gabriele Mighela

rifiuti temporanei

Aspetto essenziale del deposito temporaneo è che esso non richiede nessuna autorizzazione, sempre che siano state osservate le disposizioni dell’art. 183, comma 1, lett. bb).

Il deposito temporaneo di rifiuti disciplinato è definito come il raggruppamento dei rifiuti e il deposito preliminare alla raccolta ai fini del trasporto di detti rifiuti in un impianto di trattamento, effettuati, prima della raccolta, nel luogo in cui gli stessi sono prodotti, da intendersi quale l’intera area in cui si svolge l’attività che ha determinato la produzione dei rifiuti o, per gli imprenditori agricoli di cui all’articolo 2135 del codice civile, presso il sito che sia nella disponibilità giuridica della cooperativa agricola, ivi compresi i consorzi agrari, di cui gli stessi sono soci.

 

Continua a leggere l’ARTICOLO

 

PER APPROFONDIRE

Reati ambientali e indagini di polizia giudiziaria

Reati ambientali e indagini di polizia giudiziaria

Luca Ramacci, 2019, Maggioli Editore
Manuale operativo con formulario - Inquinamento da rifiuti, idrico, atmosferico, da rumore e da sostanze pericolose - Violazioni urbanistico-edilizie e tutela del paesaggio - Delitti contro l’ambiente

50,00 € Acquista

su www.maggiolieditore.it

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *