Questo articolo è stato letto 56 volte

Online il Rapporto 2019 sulle statistiche dell’incidentalità nei trasporti stradali

incidente4

E’ stato pubblicato il Rapporto 2019 sulle statistiche sull’incidentalità nei trasporti stradali, anche con riferimento alla tipologia di strada.

Il lavoro – anche in questa occasione dedicato alle vittime della strada ed ai loro familiari e condotto nel contesto dell’Obiettivo strategico ministeriale “Miglioramento della sicurezza nelle costruzioni, nelle infrastrutture e nei cantieri” e dell’Obiettivo operativo “Produzione di statistiche sull’incidentalità nei trasporti stradali, anche con riferimento alla tipologia di strada” – illustra, attraverso relazioni di sintesi, statistiche, tabelle di dati e grafici, i principali risultati di studi, analisi ed elaborazione dati sull’incidentalità stradale.

I dati prodotti sono disponibili, per studi, analisi, ricerche, programmazione ed interventi di settore finalizzati al miglioramento della sicurezza stradale.

Il Rapporto 2019, che segue quello del biennio precedente e contiene 16 cartelle composte da relazioni e file di dati, è stato realizzato dall’Ufficio di Statistica del Ministero, inserito all’interno della Direzione Generale per i Sistemi Informativi e Statistici, con il contributo di: Istituto Nazionale di Statistica; Automobile club d’Italia, ANAS S.p.A., Polizia di Stato ed Arma dei Carabinieri, Polizia Locale di Roma Capitale, Associazione Italiana Società Concessionarie Autostrade e Trafori (AISCAT), INAIL, Direzione Generale per la Sicurezza Stradale, Direzione Generale per le Strade e le Autostrade e per la Vigilanza nelle Infrastrutture Stradali e Direzione Generale per i Sistemi Informativi e Statistici del Mit, Provveditorato Interregionale per le Opere Pubbliche per la Campania, il Molise, la Puglia e la Basilicata, Astral – Azienda Strade Lazio S.p.A, Fondazione Luigi Guccione Onlus, Università di Napoli Federico II e Comitato Strade Sicure di Mottola (TA).

Fonte: www.mit.gov.it

 

Visualizza le STATISTICHE

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *