Questo articolo è stato letto 110 volte

Le truffe e l’accelerazione dello spostamento sul web causato da covid19

Articolo di Sergio Bedessi

smart5

Va ricordato che dal punto di vista giuridico il reato di truffa (art. 640 c.p.) è un reato che si realizza tramite la cooperazione artificiosa della vittima ottenuta con l’inganno; è un reato plurioffensivo in quanto il bene giuridico tutelato non è solamente il patrimonio della vittima, ma anche la libertà di autodeterminazione della vittima stessa.

È un reato comune in quanto il soggetto attivo può essere chiunque, peraltro con l’applicazione
dell’aggravante di cui all’art. 69 c.p. qualora il truffatore abbia una qualifica pubblica; da notare che la persona offesa può non corrispondere alla persona indotta in errore dalla condotta fraudolenta, anche se deve permanere un nesso causale fra induzione in errore e elementi del profitto e del danno.

Per integrarsi il reato di truffa vi deve essere uno specifico collegamento fra vittima e reo, attuato con una serie concatenata di artifici e raggiri utili a produrre prima l’induzione in errore e poi, come effetto finale, un atto di disposizione patrimoniale capace di produrre il profitto per il reo e il danno per la vittima.

 

Continua la lettura dell’ARTICOLO

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *