Nemmeno il medico chiamato dall’ospedale dove un suo paziente è stato ricoverato può avvalersi dell’esimente dell’adempimento di un dovere, non esistendo una norma giuridica che gli consenta di violare i limiti di velocità, né può rifarsi allo stato di necessità, essendo la persona già ricoverata e assistita presso la struttura ospedaliera.
Note alla sentenza della Corte di Cassazione civile  sez. II, 10 settembre 2009, n. 19578

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.