Permesso invalidi – uso indebito ed abusivo da parte di terzi – reato di sostituzione di persona – reato di truffa
Cassazione sez. II Penale, 22/11/2011 n. 42988

La condotta di uso indebito ed abusivo da pare di terzi dell’autorizzazione alla circolazione rilasciata a persona invalida non può determinare a carico del soggetto che indebitamente e anche illegalmente si avvale della autorizzazione medesima per fruire dei vantaggi connessi e non integra, per evidente carenza degli elementi di fattispecie, né il reato di sostituzione di persona né il reato di truffa (cfr., recentemente, Cass. sez. II, 8 giugno 2010, n. 35004; Cass. sez. II, 24.3.2011, n. 24454). Il reato non può essere integrato dalla semplice esibizione, sul parabrezza di un’autovettura, del contrassegno invalidi, perché essa non implica una “dichiarazione” di attestazione della presenza del titolare del permesso a bordo dell’autovettura medesima, come presupposto dell’auto attribuzione della qualità di “accompagnatore” da parte del conducente. 

Leggi la sentenza

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.