Competenza territoriale del giudice adito per la violazione dell’articolo 126-bis

Con la sentenza  n. 24757/2011, la Suprema Corte ha precisato e ribadito  che  l’art. 126 – bis del codice della strada sanziona, in parte qua,  il comportamento del proprietario del veicolo che senza giustificato motivo non ottempera, entro il termine ivi previsto, alla comunicazione all’organo di polizia procedente dell’identità del conducente dell’autoveicolo al momento della pregressa violazione, pertanto l’infrazione si consuma nel luogo in cui sarebbe dovuta pervenire la comunicazione che è stata omessa, vale a dire nel luogo in cui ha sede il detto organo di polizia procedente, quindi, in caso di ricorso sarà competente il Giudice di pace del luogo de quo.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.