Questo articolo è stato letto 2 volte

Nell’ipotesi di contestazione di una pluralità di violazioni amministrative commesse in luoghi diversi o non identificabili, nell’impossibilità di applicare il criterio del luogo di commissione degli illeciti continuati o di quello unico permanente, difficilmente individuabili, non può che applicarsi quello del luogo del relativo accertamento. La sentenza della Corte di Cassazione

Cassazione civile,  sez. VI, 16/12/2011, n. 27202

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *