Questo articolo è stato letto 2 volte

Il dirigente pubblico illegittimamente licenziato ha diritto alla reintegrazione nel posto di lavoro. Corte di Cassazione Civile Sezione lavoro 13/6/2012 n. 9651

Il dirigente pubblico illegittimamente licenziato ha diritto alla reintegrazione nel posto di lavoro; infatti, le conseguenze della illegittimità del recesso di dirigente pubblico hanno carattere reintegratorio, per l’assimilazione, sotto questo profilo, della categoria dirigenziale a quella impiegatizia.

Vedi il testo della sentenza

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.