Questo articolo è stato letto 5 volte

Pur non rivestendo fede privilegiata le dichiarazioni del proprietario del veicolo rese al fine di individuare il trasgressore possono fondare il giudizio di responsabilità per le violazioni commesse con quel mezzo. Corte di Cassazione, sez. VI Civile ordinanza  4 luglio 2013, n. 16716

Vedi il testo della sentenza

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.