Parcheggio a pagamento: come deve essere quantificata l’area gratuita nelle vicinanze?

Il problema è noto. Sempre più spesso gli enti istituiscono aree di sosta regolamentata a pagamento senza predisporre, o predisponendole in modo insufficiente e/o irregolare, adeguati spazi gratuiti nelle vicinanze.
A seguito di un ricorso, è intervenuta la Cassazione (civile sez. VI-2 sentenza 14.06.2013 n. 14980) precisando che “incombe sul ricorrente l’onere di dimostrare l’irregolarità del parcheggio a pagamento e della mancata previsione di area per la sosta libera nelle vicinanze”

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.