Questo articolo è stato letto 39 volte

Se l’apparecchio di controllo della velocità è presidiato non necessita del decreto prefettizio, né vi sono limiti alla competenza della Polizia Municipale in relazione alla proprietà della strada, ma solo per quel che concerne i confini del territorio comunale. Corte di Cassazione, sez. II Civile, 19 marzo 2014, n. 6432

Vedi il testo della sentenza

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.