Questo articolo è stato letto 63 volte

OMISSIONE DI SOCCORSO
Centra in pieno un ciclomotore, scappa e poi torna indietro. I rilievi effettuati dalla Polizia stradale e l’ammissione dell’automobilista, che ha raccontato di aver “percepito un urto” sono elementi che portano la Corte di Cassazione a ritenere l’uomo colpevole.

Egli si è volontariamente sottratto alla prestazione della necessaria assistenza alla vittima e il fatto che fosse tornato indietro dopo il sinistro, quando già l’ambulanza era giunta sul posto e aveva portato via la persona ferita, è irrilevante.

Vedi il testo della sentenza

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.