Questo articolo è stato letto 20 volte

Eccesso di velocità e patente a punti

La Suprema Corte ha stabilito che ove la contestazione della violazione principale sia avvenuta tardivamente, va esclusa la sussistenza dell’obbligo di comunicare gli estremi del conducente. Del resto la tempestività della contestazione obbedisce alla ratio di porre il destinatario in condizione di difendersi, ovvio essendo che con il trascorrere del tempo i ricordi diventano evanescenti.

Leggi la sentenza

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.