Nuove modalità di riscossione delle sanzioni al Codice della Strada: proroga dell’entrata a regime al 1/7/2017 (Art. 13, c. 4 del D.l. 30.12.2016 n. 244)

In riferimento al precedente articolo “Riscossione sanzioni Codice della Strada: gli adempimenti obbligatori previsti dal Decreto Fiscale“, si segnala che il comma 4 dell’articolo 13 del Decreto Milleproroghe (D.l. 244/2016) posticipa dal 3 dicembre 2016 a 1° luglio 2017 l’applicazione delle norme che riguardano la riscossione spontanea delle sanzioni al Codice della Strada:

Art. 13. Proroga di termini in materia economica e finanziaria

[…] 4. Le disposizioni di cui all’articolo 2-bis del decreto-legge 22 ottobre 2016, n. 193, convertito, con modificazioni, dalla legge 1° dicembre 2016, n. 225, si applicano a decorrere dal 1° luglio 2017. […]

La norma dispone infatti che l’effettuazione del pagamento spontaneo delle sanzioni al CDS che il versamento sia effettuato esclusivamente sul conto corrente di tesoreria o tramite strumenti di pagamento elettronici (si veda il precedente articolo).

Più in dettaglio, le disposizioni in esame posticipano al 1° luglio 2017 il nuovo termine per l’applicazione dell’articolo 2-bis del decreto-legge n. 193 del 2016, quindi tale disposizione che era originariamente applicabile a decorrere dall’entrata in vigore della legge di conversione, legge 1° dicembre 2016, n. 225 cioè dal 3 dicembre 2016 (giorno successivo alla pubblicazione del provvedimento in Gazzetta Ufficiale).

Si rammenta che il comma 1, primo periodo, dell’articolo 2-bis dispone – in deroga all’articolo 52 del D.Lgs. n. 446/1997, in tema di potestà regolamentare generale delle province e dei comuni – che il versamento spontaneo delle entrate tributarie dei comuni e degli altri enti locali sia effettuato: – mediante il versamento diretto sul conto corrente della tesoreria comunale degli importi riscossi; – mediante il sistema dei versamenti unitari di cui all’articolo 17 del decreto legislativo 9 luglio 1997, n. 241 (F24); – ovvero attraverso gli strumenti di pagamento elettronici resi disponibili dagli enti impositori…

Consulta l’approfondimento di Claudio Malavasi

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.