Cammina nel mezzo della carreggiata e viene investito da un’auto: la colpa è del pedone

Esaminiamo il caso di un sinistro occorso fra un’auto e un pedone che camminava al centro della carreggiata, in orario notturno, su un tratto di strada extraurbano e privo di illuminazione.

I giudici procedono ad assolvere la conducente dell’auto, nonostante il lieve superamento dei limiti di velocità, a causa dell’evidente imprevedibilità  dell’ostacolo. A poco rileva che un’altra auto fosse transitata di lì da poco riuscendo a evitare lo scontro. Interessante inoltre la richiesta dell’accusa di esaminare i dati del traffico telefonico per accertare se l’automobilista fosse intenta all’uso dello smartphone o meno. Impossibile accettarla: tali dati sono infatti conservati, per legge, solo per 24 mesi.

LEGGI LA SENTENZA della Corte di Cassazione

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.