Illegittimo l’arresto se non ricorre lo stato di flagranza

L’arresto dell’imputato era avvenuto 7 ore dopo dal fatto ascrittogli e senza che gli ufficiali della p.g. vi avessero assistito. Il Tribunale invece rilevava uno stato di quasi flagranza dell’interessato, in ordine al delitto di lesioni personali in danno del medico dell’ospedale.

La Suprema Corte afferma che «non ricorre lo stato di quasi flagranza qualora l’inseguimento dell’indagato da parte della polizia giudiziaria sia iniziato non già di seguito e a causa della diretta percezione dei fatti, ma per effetto e solo in seguito alla denuncia della persona offesa e ad informazioni rese da terzi».

LEGGI LA SENTENZA

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.