Questo articolo è stato letto 171 volte

Controllo delle macchine agricole – cosa cambia dopo il “Mother Regulation”

Articolo di Gianni Ferri

Oggetto di queste non brevi note è una rassegna sui soli limiti dimensionali e di massa delle macchine agricole, singole o complesse, e degli eventuali attrezzi portati o semi-portati alla luce delle recenti innovazioni.

Bisogna innanzitutto premettere che la materia è ora trattata anche dal Regolamento (UE) 167/2013 (MR “Mother Regulation”) e successive modificazioni ed integrazioni. Come tale, va rammentato che la regolamentazione comunitaria (diversamente dalla semplice Direttiva) comporta la disapplicazione delle norme di diritto interno in contrasto con essa.

Ne deriva che l’articolo 104 del Cds, che in relazione alle masse delle macchine agricole si comportava come norma speciale nei confronti dell’art. 62, trova oggi norma di rango superiore. La conseguenza è che entrambi gli articoli, in sede di omologazione, quindi di immatricolazione, non vanno considerati in relazione ai limiti massimi previsti nel CdS in quanto prevalgono quelli comunitari.

 

Continua la lettura dell’ARTICOLO

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.