L’orientamento interpretativo della Cassazione sul reato di abuso d’ufficio

 

La riforma del reato di abuso d’ufficio avvenuta nel 2020 ha notevolmente mutato l’inquadramento del reato perché l’abuso penalmente rilevante non è più quello commesso “in violazione di norme di legge o di regolamento”, bensì quello realizzato “in violazione di specifiche regole di condotta espressamente previste dalla legge o da atti aventi forza di legge e dalle quali non residuino margini di discrezionalità”.

Cosa significa tutto ciò?

 

Continua la lettura dell’ARTICOLO

 

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.