Questo articolo è stato letto 96 volte

La recente giurisprudenza e l’abuso d’ufficio

La questione dell’abuso d’ufficio è ben nota e dibattuta in dottrina e giurisprudenza  e come noto la riforma del 2020 ha sancito che l’abuso penalmente rilevante non è più quello commesso “in violazione di norme di legge o di regolamento”, bensì quello realizzato “in violazione di specifiche regole di condotta espressamente previste dalla legge o da atti aventi forza di legge e dalle quali non residuino margini di discrezionalità”.

La nuova formulazione normativa sembra dunque restringere la materia del divieto, comportando in via di principio una abolitio criminis in relazione ai fatti di abuso d’ufficio commessi prima dell’entrata in vigore del d.l. n. 76/2020 e non più riconducibili alla nuova versione dell’art. 323 c.p.

 

Continua a leggere l’ARTICOLO

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.