La condotta di guida anomala conferma lo stato di ebbrezza

GIURISPRUDENZA

 

› Circolazione stradale
› Guida in stato di ebbrezza

La  mancata percezione, da parte dell’imputato, del pericolo rappresentato dalla presenza della bicicletta, protrattasi fino all’ultimo momento prima dell’impatto, e la conseguente omissione di ogni manovra di evitamento, sia pure tardiva, sono dimostrative di uno stato di minorata capacità percettiva e di un affievolimento della reattività che, ragionevolmente, in assenza di diverse cause, devono ricollegarsi all’elevato stato di ebbrezza alcolica.

 

CONSULTA LA SENTENZA

 

 

TI CONSIGLIAMO

main product photoProntuario delle violazioni al Codice della strada e alle leggi sulla circolazione dei veicoli

di  Massimo Ancillotti, Giuseppe Carmagnini

 

ACQUISTA

 

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.